PFU: difficile da capire, difficile da comunicare. Serve un consulente?

Un consulente che vi sappia aiutare nelle fasi di comunicazione e promozione tese alla vendita del pneumatico nuovo, prodotto o commercializzato e nella complessa fase di gestione del PFU.

  1. Decreto, quote, smaltimento, trasformazione…

  2. Le 3 modalità di gestione del PFU

  3. Dalla vendita alla rendicontazione: le piattaforme digitali

  4. Comunicazione e promozione

  5. E-commerce e strumenti digitali

Nel caso non fosse sufficiente la complessità del Decreto 82/2011, che all’interno della sua apparente linearità nasconde sacche importanti di “non esplicitamente chiaro”, pare che il prossimo anno porterà con sé importanti novità in materia di PFU. La situazione italiana è caratterizzata dalla presenza di alcuni grossi “players” che dettano una linea e che a quanto pare hanno la capacità di farsi ascoltare più di tutti gli altri, piccoli operatori territoriali. Molti sono gli attori che si dividono oneri ed onori di questo ambito: si parte dai produttori e dagli importatori di pneumatici, si passa poi per i gommisti, protagonisti della fase centrale del sistema, il nodo cruciale in grado di determinare la buona riuscita o meno di una politica ambientale attenta. Arrivando ai recuperatorismaltitori, diversamente organizzati, come previsto dalla legge, in aziende private o in forma consortile, che, assieme ai trasportatori, agli autodemolitori, alle piazzole di stoccaggio e ai centri di trattamento chiudono il cerchio di una filiera lunga e burocraticamente impegnativa per tutti.

Se agli occhi del cittadino il passaggio da pneumatico nuovo a PFU (acronimo utilizzato per indicare gli pneumatici fuori uso), avviene fisiologicamente e in una logica di recupero e smaltimento capillare, matematica e soprattutto attenta all’ambiente, agli occhi degli operatori del settore si presentano invece numerose occasioni di perplessità. Perplessità che spesso sconfina in vera e propria incredulità, spingendo i protagonisti della filiera del recupero e della trasformazione, a non sapere come muoversi per ottenere risultati che consentano la sopravvivenza aziendale ed al tempo stesso restando all’interno della legalità.

La consulenza di uno specialista e la partnership nella gestione aziendale sono fondamentali se si desidera raggiungere un livello di performance utile con un buon grado di tranquillità rispetto alla normativa e agli obblighi di legge.

CONTATTATEMI se non siete in grado di rispondere in modo corretto alle seguenti domande e stabilire poi quali conseguenze e ricadute tali fattori abbiano sulle vostre attività?

  1. Come si genera il contributo?

  2. Quali sono le tempistiche annuali per gli adempimenti burocratici?

  3. Obblighi (veri e presunti) dei vari soggetti della filiera?

  4. Gestione diretta o indiretta? Quali le differenze?

  5. Cosa comporta l’abilitazione del fondo ACI?

  6. Gestione informatica e tracciabilità: sapete tutto?

  7. Comunicazione e promozione digitale, come attuarla?

  8. Vendita di pneumatici nuovi: e-commerce e strumenti digitali, sapete come funzionano?

#riciclo #decreto #pneumatici #PFU #smaltimento

Qualche volta vi scrivo, se vi va...

© 2020 Luca Martignani srls  p. iva 03751851209

Privacy Policy - Cookie Policy